La Community del Canottaggio Master e non solo

Paperoni ?

Ritorno sul discorso delle tasse di iscrizioni , argomento che ha sollevato non poche polemiche e che ha ricevuto questo commento dal Presidente Gandola : “…. La variazione, rispetto al 2011, è minima per tutte le categorie eccezion fatta per i Master ai quali abbiamo richiesto il maggior sforzo. In questi anni, abbiamo compiuti tanti passi in avanti e lanciato numerosi segnali di apertura al loro mondo con l’istituzione del Campionato Italiano e della Classifica Nazionale. C’è stato un confronto produttivo, continui scambi di opinioni ed abbiamo raccolto molti dei segnali e delle richieste di questa categoria che sta finalmente ottenendo un riconoscimento del suo status nell’ambito dell’attività promozionale. …….”
volendo chiosare su quanto detto sembra che la ratio sia da inquadrare in un rapporto ” do ut des” o meglio ” date quoniam dabamus” .
Perdonatemi le riminiscenze di un liceo classico ma se il senso è : noi abbiamo fatto tanto, ora fate voi qualche piccolo sforzo, si pone il problema seguente :
i master o hanno fatto una questione di principio o ritengono che l’onere da sopportare sia realmente elevato ?
Nel primo caso c’è ben poco da dire perchè si può solo entrare in una questione di forma del come si fanno le cose e non mi sembra che Amoremare si possa occupare di ciò.
Nel secondo caso invece si apre una finestra su di un panorama ben più ampio.
Premettendo che nessuno, tanto meno il sottoscritto, si può permettere di sindacare se per qualcuno essere costretto a spendere un euro in più diventa un problema, viene spontaneo il cercare di capire perchè ci si fermi al solo incremento della tassa di iscrizione e non si valuti nel complessivo il costo delle regate.
In fondo la tassa è la parte più piccola dell’intero costo di partecipazione ad una regata sopratutto quando si va in trasferta.
Se davvero vogliamo provare a contenere i costi, proporrei al nostro Presidente di “imporre” ai Comitati organizzatori di metter in piedi, con le strutture ricettive in loco, offerte che siano EFFETTIVAMENTE vantaggiose .
Torneremo in questo caso , visto che l’incremento della tassa di iscrizione va al circolo organizzatore, al concetto del ” date quoniam dabamus” ed allora bisognerà essere vigili perchè non si può pensare ad uno sì ed ad un altro no.
Intelligenti pauca.
Torno al latino anche per salutare gli amici e per sorridere, non molto perchè risus abundat in ore stultorum !
Vale!
Paolo Caracciolo di Brienza