La Community del Canottaggio Master e non solo
il CAVILLO …..

il CAVILLO …..

Pubblico il ricorso al Giudice Sportivo Nazionale fatto da Pietro Capuano e la relativa decisione del Giudice.

Le mie considerazioni da non avvocato ma da appassionato dello sport.

Probabilmente la decisione del Giudice potrebbe essere appellata in quanto il reclamo è prodromico all’eventuale ricorso al giudice federale e non a quello nazionale e comunque che l’omessa presentazione non costituisce causa di inammissibilità dell’impugnazione.

Pietro Capuano ha deciso di non proporre appello non per risparmiare la somma di 200 Euro necessaria per proporre l’appello ma perché , confidando in una decisione del Giudice non legata ad un cavillo, comunque appellabile, probabilmente l’appello avrebbe potuto seguire la stessa strada che esclude la reale valutazione dei fatti .

Devo constatare e mi fa tristezza il vedere che anche in ambito sportivo ci si lega ad un cavillo pur di non entrare nel merito di quanto viene esposto.

Pensate quanto sarebbe stato bello se il Giudice, pur volendo applicare una norma che ha fatto scaturire la sua sentenza, avesse evidenziato che la gara era stata viziata dall’applicazione non corretta di un regolamento o meglio dalla applicazione di un articolo di un altro regolamento.

Purtroppo questo non accade e forse non accadrà mai. Proprio per questo motivo, almeno in ambito sportivo, le regole devono essere semplici non interpretabili e applicabili senza scorciatoie e senza fare ricorso alla analogia di altre regole.

Paolo Caracciolo di Brienza

[pdfviewer]http://www.amoremare.it/wp-content/uploads/2017/07/capuano-giudice-sportivo.pdf[/pdfviewer]