La Community del Canottaggio Master e non solo

ma ci vogliamo far ascoltare sul serio?

Nella rubrica della posta pubblico la lettera di Paolo Caprioli che ha inviato al sottoscritto ed ad altri amici via mail .
Se mi si chiede perchè lo faccio quando Paolo se voleva, essendo registrato, avrebbe potuto pubblicare direttamente su questo sito, la mia risposta è la seguente:
siamo oltre 2000 tesserati nella categoria master, di questi circa 500/600 partecipano a gare ed allora se si vuole che la categoria abbia un peso in ambito federale pari alla percentuale che rappresenta rispetto a tutti i tesserati, solo il diffondere quanto più possibile le proprie idee , far conoscere le problematiche che esistono , diventa la concreta soluzione alla credibilità dei master e può far diventare la categoria meritevole di una collocazione diversa in ambito federale.
Volutamente non commento il contenuto della lettera di Caprioli che dimostra sempre la non indifferente qualità della pacatezza unita ad una capacità propositiva.
E’ evidente che Paolo si rivolge sostanzialmente alla Federazione ed io, come ho sempre fatto in qualità di editore di questo sito, ho dato spazio alla voce di Rappresentanti Federali e quindi confermo sin d’ora che sarà solo un piacere poter pubblicare una risposta della Federazione che sicuramente non mancherà .
Perdonatemi se per l’ennesima volta batto sul solito chiodo ricordando a tutti che in quattro anni si è ottenuto moltissimo per la nostra categoria e probabilmente perchè sono state realizzate cose concrete che hanno permesso questi risultati.
Il crescere deve camminare con passi, se pur piccoli,ma che devono lasciare un’orma ben visibile , purtroppo alcuni di noi sono convinti che solo il fare “casino” porti a qualcosa , io credo invece che questo atteggiamento sia come pretendere di lasciare orme sulla battigia .
Paolo Caracciolo di Brienza