La Community del Canottaggio Master Italiano
le considerazioni di Luca Dell’Elice sulla classifica Master

le considerazioni di Luca Dell’Elice sulla classifica Master

Innanzitutto buon anno a tutti.
Mi riallaccio a quanto scritto da Paolo Caprioli per esprimere la mia personale opinione.
Tutte le varie classifiche che ci sono nel mondo master sono viziate da troppi numeri e troppe differenze di età.
Parlo sia delle classifiche di fondo che della classifica nazionale master.
A mio avviso tutte queste classifiche andrebbero tolte ed introdotta un unica classifica che prenda inconsiderazione tutte le gare che vengono svolte nel corso dell’anno dai vari master (sia nelle gare di indoor, fondo, olimpiche, tipo regolamentare e Coastal).
Ovviamente si è portati a pensare che diventerebbe un “gioco” solo per ricchi, ma così non penso che sia. Infatti da un lato c’è sì l’aspetto economico, ma dall’altro c’è l’aspetto fisico che impedisce di fare troppe gare nel corso della stagione.
Poi mi domando: A chi realmente interessa una classifica master? Una classifica che personalmente reputo inutile in quanto non so se è in grado di premiare effettivamente “Il master più forte”.
Allora lancio un paio di proposte:
– Per i master gareggiare SOLO in singolo e 2- In modo da tirare fuori le reali capacità di ognuno. Solo così la classifica avrà un  senso. Parallelamente per i non singolisti o rematori da 2-, ci saranno le gare da calendario ma che non daranno punteggio.
– Al Campionato di Velocità abbinare una superfinale per categoria Dove nelle 7 imbarcazioni (1x 2- 2x 4- 4+ 4x 8+) divise per categorie si sfideranno i neotitolati di ogni singola specialità e con partenza ad handicap. In tal modo si avrebbe una gara veramente bella da vedere (e da fare) ed in grado di valutare la reale efficacia degli handicap.
Un caro saluto a tutti i rematori

 

Luca Dell’Elice