La Community del Canottaggio Master Italiano
Regole chiare e non interpretabili…..

Regole chiare e non interpretabili…..

Le regole non possono essere interpretate o meglio non dovrebbero esserlo sopratutto nello sport.

Vengo al dunque facendo un piccolo richiamo a come si è evoluta l’applicazione degli handicap. Parto dal concetto di non poter correre con più di due handicap di differenza. Questa regola fu introdotta per più di un motivo:

il primo perchè l’individuazione di un handicap, non potendo avere valore di precisione assoluta in quanto scaturisce dall’analisi di valori statistici , se lo si somma più di due volte è inevitabile che la non esattezza di due soli addendi diventa una valore privo di significato aggiungendo ulteriori addendi e di conseguenza non applicabile in una gara.

Il secondo perchè se gli handicap vengono applicati in partenza non è pensabile che un equipaggio possa partire quasi un minuto prima di un altro . Diventerebbe una gara contro il tempo in quanto , se gli handicap fossero perfetti e non lo sono , l’equipaggio più giovane , ad esempio un A, raggiungere l’equipaggio più vecchio , ad esempio un H forse a cento metri dall’arrivo e la gara in effetti si disputerebbe solo negli ultimi pochi metri.

Lo stesso vale se l’handicap si calcola all’arrivo, l’equipaggio A dopo pochi metri dalla partenza farebbe una gara in solitario contro il tempo non potendo più valutare la distanza e relativa differenza di tempo che lo divide dall’equipaggio H .

Con l’applicazione della regola di cui sopra , fu necessario anticipare la chiusura delle iscrizioni al lunedì antecedente la gara affinchè il giorno successivo la segreteria fosse in grado di comunicare ad un equipaggio non accorpabile ad altri , di scegliere se ritirarsi o partecipare godendo dell’ultimo handicap utile.

Va chiarito e spero che non ci si debba tornare sopra che le gare si delineano all’atto del’iscrizione e non dopo. Se avviene un ritiro non si può e non si deve cercare di modificare la composizione delle gare stravolgendo l’attribuzione degli handicap . Nella eventualità che rimanga un solo equipaggio non accorpabile ad altri senza che si modifichino gli handicap degli equipaggi a cui va accorpato, l’equipaggio rimasto unico iscritto fa il percorso da solo .

Mi auguro che il Consigliere Giuntini intervenendo presso la Federazione per far modificare il refuso presente riportato nell’esempio di come si applicano i nuovi handicap ( oggi i valori degli handicap nell’esempio si riferiscono agli handicap precedenti), possa fare chiarezza sulla necessità che le Segreterie avvisino le società già dal martedì se ci sono  impossibilità di accorpamenti .

Paolo Caracciolo di Brienza

 

Associati ad A.M.I.C.I.
L'iscrizione Associazione Master Italiani Canottaggio Integrato è gratuita e la Tua adesione aumenterà la nostra forza per supportare le nostre iniziative, lo scopo principale dell’ associazione è quello di promuovere il Canottaggio Master e non solo.