La Community del Canottaggio Master e non solo
Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire ……

Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire ……

Francamente mi dispiace pensare che questo detto possa essere rivolto al Presidente Abbagnale ma comincio a credere che diventi calzante per il vertice della Federazione.

Cerco di chiarire cosa voglio dire.

Sulle pagine di questo giornale on line si parla solo di master e quindi volutamente non voglio toccare altri argomenti e disquisire di fatti che vengono ampiamente riportati su altri giornali che affrontano in maniera critica e puntuale il mondo del canottaggio a tutto tondo.

Rimango quindi a parlare di master e chiedo al Presidente come mai non sia riuscito nei primi tre anni del suo mandato ad individuare nel suo staff una persona che dedichi un poco del suo tempo in maniera seria alle modeste problematiche di questo settore che sembra però ad avviarsi ad essere la categoria che ha il maggior peso nell’ambito dei tesserati FIC ?

Qualche mese fa sembrava che il Vice Presidente Scifoni avesse avuto mandato di occuparsi degli over 27 dopo le note dichiarazioni del consigliere Italiano che non era più interessato all’argomento, poi contattato dal sottoscritto ha dato una versione molto diversa su questo mandato circoscrivendola ad un fatto episodico.

Oggi quindi in Federazione non c’è nessuno che si occupi realmente del settore master.

Una prova evidente ?

La prossima regata meeting nazionale che si terrà a Ravenna prevede nel regolamento di regata per le gare master la ” categoria unica “.

A prescindere che il bando recita al capo 10  Disposizioni generali: per quanto non contemplato nel presente bando valgono le disposizioni del Codice di gara, del Regolamento Organizzativo delle Regate, del Regolamento dei Campionati d’Italia, del Regolamento Para Rowing e della relativa norma d’applicazione FIC e del Regolamento Master., e quindi si contraddice con il regolamento di regata, che significato hanno gare con categoria unica per i master .

E’ possibile che non si possa giungere ad un bando di regata e relativo regolamento unico per le gare master, basterebbe fare un taglia/incolla del vigente regolamento master in attesa del mai definito e sbandierato schema strutturale organizzativo.

L’unica attenzione che verrebbe richiesta è quella di differenziare i campionati italiani dalle altre gare in quanto i primi prevedono batterie e finali e le altre serie di finali.

Ulteriore mancata attenzione ai così detti particolari , oggi 11 settembre sul sito Federale si parla, se pur virgolettato, di campionato del mondo per le gare della World regatta master di Hazewinkel.

Cosa ha a che spartire con un campionato del mondo una bellissima manifestazione internazionale master che può annoverare anche oltre 15 serie di finali per una stessa categoria ?

Tutto quello che dico può sembrare una banale polemica e sopratutto sterile se non ascoltata , invece lo ritengo un campanello di allarme per la credibilità di una Federazione che volutamente trascura un settore , non dimentichiamoci poi delle promesse elettorali che non mantenute hanno oggi la scusante di essere in buona compagnia di altri impegni o traguardi ben più importanti non raggiunti.

Paolo Caracciolo di Brienza