La Community del Canottaggio Master e non solo
Le voci fuori dal coro possono diventare un altro coro !!!!!!

Le voci fuori dal coro possono diventare un altro coro !!!!!!

Vittorio Liberti mi scrive:

Carissimo Paolo,

come ben sai è da un pò di tempo che sono molto poco presente nel dire la mia sul mondo del canottaggio. Il perchè te l’ho spiegato a Sabaudia e cioè il notare che nulla cambia o, se cambia, è sempre per la buona volontà di pochissimi e questa cosa mi ha portato a riconsiderare il mio impegno su molte cose nell’ambito del canottaggio.
Passiamo ora all’articolo di Callai sui campi di gara del Lago Patria (che penso di conoscere bene) e di Candia.
Non voglio il merito di nulla (anche perchè merito di certo non c’è da darne) ma sul questo discorso ho più volte detto la mia ricevendo anche critiche. Per me le manifestazioni di un certo rilievo (e un campionato italiano di categoria lo è di certo, almeno per me) deve essere organizzato da chi ne ha le potenzialità e queste potenzialità devono essere valutate solo ed esclusivamente dalla FIC che, nella valutazione, dovrebbe prendere in considerazione TUTTI gli aspetti connessi all’organizzazione della manifestazione senza sottostimare i partecipanti e tutto che ne consegue.
Non basta che una società o un comitato si proponga per l’organizzazione per poi “sbolognare” la manifestazione.
Se in Italia ci sono poche località o società in grado di organizzare delle manifestazioni di rilievo e allora per me le stesse si devono svolgere solo lì, in attesa che altre acquisiscano degli standard tali da potersi candidare (un pò come avviene per le manifestazioni internazionali ma appliicato in piccolo alle nostre realtà). 
Dispiace il fatto che alcune realtà, magari per mancanza di fondi o per altri motivi, non possano mai avere rilevanza o visibilità in tal senso? beh, mi dispiace, ma non si può sacrificare migliaia di atleti, tecnici, genitori e dirigenti per “dare visibilità”.
Di campi di gara ormai, a 46 anni, credo di conoscerne parecchi e quindi mi permetto di scrivere a ragion veduta.
Come sempre queste non vogliono essere sterili critiche ma solo spunti di riflessione per chi ha il “potere” di prendere delle decisioni.
Un saluto e FORZA ITALIA!!!
Vittorio