La Community del Canottaggio Master e non solo
Le risposte con commenti non favorevoli alla proposta Memoli

Le risposte con commenti non favorevoli alla proposta Memoli

NICOLA DELLA GROTTELLA
Caro Paolo. ritengo che il Campionato debba essere “affrontato” con i colori del Circolo di appartenenza in quanto è il momento in cui sia l’atleta che la società partecipano alla conquista del titolo. Penso che consentire l’iscrizione ad equipaggi misti faccia perder un pò lo spirito del “CAMPIONATO” inteso come momento finale di una stagione agonistica. Certo mi rendo conto che spesso non si riesce a completare un equipaggio all’interno di un sodalizio per i motivi più svariati, tra i quali ci sono i vari impegni di lavoro, il numero, a volte, ridotto di soci master agonisti, e così via…..ma il campionato, quando si vince (e a noi ultimamente non è ancora capitato, purtroppo) si vince anche a livello societario.
Ti saluto cordialmente
Nicola.

SALVATORE CARUSO
Mi dispiace ma io non conosco la proposta Memoli

MIKE DE PETRIS
Ciao Paolo,
brevemente: non sono daccordo con la proposta, per un semplice motivo, il coastal rowing agonistico, ai campionati italiani ma anche ai campionati mondiali, è un evento di club, e per coerenza mi sembra giusto rimanga vietata la possibilità di fare misti. Per fare la regata con gli amici ci sono molte altre manifestazioni espressamente dedicate all’aspetto turistico ed amatoriale, caratteristica difficilmente attribuibile ad un evento che assegna titoli di un “CAMPIONATO”.
Credo fermamente che aprire ai misti il campionato coastal incoraggerebbe ancor più il fenomeno del medaglificio. Se c’è un campionato va privilegiato l’aspetto agonistico ed io mi atterrei alle regole degli agonisti. Altrimenti non è un campionato.

MAURO MANGIAFICO
Buongiorno,
molto brevemente esprimo una mia opinione.
Ho ricevuto la mail sottostante perchè in effetti ho aderito ad A.M.I.C.I..
Non avendo mai partecipato, e al momento non o in programma di partecipare ai prossimi campionati, ritengo opportuno non votare per non influenzare, anche se solo in minima parte, lo svolgimento di attività a cui non parteciperò.
Suppongo che molti altri, per il mio stesso motivo o semplicemente per mancanza di interesse, riteranno di non rispondere.
Detto questo, non trovo giusto ritenere il silenzio come assenso.
Chiedo formalmente quindi di non considerare il mio silenzio come assenso e, soprattutto, chiedo formalmente la mia cancellazione da A.M.I.C.I..
In attesa di conferma (oppure riterrò la mancata risposta come conferma della mia concellazione), invio i migliori saluti.
Mauro Mangiafico