La Community del Canottaggio Master e non solo
La lingua batte dove il dente duole ……

La lingua batte dove il dente duole ……

La lingua batte dove il dente duole, ma sperare di trovare un dentista professionalmente capace in Federazione ,è una impresa più ardua di una vittoria olimpica e così il dente continua a far male ma tutti oramai hanno capito che basterebbe poco per eliminare il dolore , escludendo l’estirpazione, terapia auspicata da molti .

Rimanendo in tema di odontoiatria remiera, l’eventuale estirpazione provocherebbe un vuoto non colmabile da alcuna protesi e con la complicanza di un inizio di mal funzionamento di tutto l’apparato masticatorio ( canottaggio nazionale) che a quanto pare oggi si basa sempre più, per una parte non insignificante , su quel dente dolente.

Vediamo cosa sarebbe successo a Brindisi con l’ipotesi della sopracitata estirpazione:

La manifestazione sarebbe supportata da un incasso di € 2.544  dato dall’iscrizione di 318 atleti/gara tra ragazzi junior e senior . si potrebbe parlare di un duro se non durissimo colpo per il Sodalizio organizzatore .

Vediamo invece cosa avviene nella realtà ,cioè continuando a voler usare quel famoso dente dolente ed ostinandosi a non curarlo , convinti che l’infezioni non degeneri e che  il dente possa resistere all’infinito.

La manifestazione oltre all’incasso dei 2.544 euri , incassa € 8.330 data dall’iscrizione dei master per un totale di € 10.874

La categoria degli over 27 procura esattamente il 76.60 % dell’incasso totale con il 65,17 % di presenza di atleti /gara.

Commenti ? I numeri parlano da soli e qualificano da soli chi continua a non voler capire.

Paolo Caracciolo di Brienza