La Community del Canottaggio Master Italiano
la lettera di Paolo Caprioli

la lettera di Paolo Caprioli

pubblico la lettera di Caprioli e rimando a domani le mie considerazioni:

 

Caro Paolo

Si è chiusa con una stupenda finale degli 8 la regata internazionale pararowing e master di Gavirate. Una regata bellissima aiutata anche da condizioni meteo praticamente perfette, un campo gara impeccabile, standard di gara a livello top e un’organizzazione e assistenza sia a terra che in acqua di primissimo livello.

Gareggiare con queste condizioni è ciò che ogni atleta si auspica, diciamo sogna, sempre, anche se purtroppo la realtà è parecchio distante.

Un grazie quindi immenso agli organizzatori che hanno saputo, fronteggiando anche problematiche impreviste causate da un fortissimo temporale del giorno prima, offrire una regata con standard a livello delle migliori gare internazionali in un clima di agonismo, ma allo stesso tempo festosa ospitalità.  

Meglio di così proprio non poteva andare …  si, peccato solo per una triste quanto doverosa considerazione relativa a un livello di partecipazione inferiore a quanto un evento così bello meriterebbe!

La ragione principale è sicuramente dovuta alla concomitanza del meeting Nazionale di Genova. Ma è mai possibile? Ma come si fa? Questa è la domanda che tutti si sono posti e alla quale anch’io mi associo, e che riporta all’annosa problematica di un calendario mal concepito e praticamente insostenibile.

Un calendario che tra scorrevole, fisso, costal, regolamentare e via discorrendo, non solo non ammette un week end di pausa da Marzo ad Ottobre, ma spesso ci propone eventi di primo livello in contemporanea, costringendo le società, che guarda caso non possiedono doppi pulmini, doppi carrelli e un parco barche infinito, difficili, quanto dolorose scelte strategiche.

Ma che scopo ha tutto questo?

Me lo chiedo proprio pensando a quanto sarebbe stato bello ed educativo per tutte le nostre giovani leve, essere li a Gavirate a vedere, incitare e applaudire, i campioni del para rowing provenienti da tutto il mondo, impegnati in regate magnifiche. Che scuola di vita!!!

Speriamo che  il futuro ci possa riservare scelte più sensate

Un grande abbraccio

Paolo