La Community del Canottaggio Master Italiano
Il voto plurimo ed i master

Il voto plurimo ed i master

Ho riflettuto non poco se, occupandomi solo del mondo master, era opportuno fare le mie valutazioni sul voto plurimo.

Per come si prospetta quanto verrà messo al voto nella prossima Assemblea generale, constato che le Società che svolgono attività master avranno bisogno di una maggiore chiarezza relativamente alla possibilità del loro accesso al voto in considerazione del fatto che sembra ci sia la volontà di ampliare la partecipazione al voto delle società affiliate.

Riporto testualmente quanto dichiarato dal Vice Presidente Andrea Vitale nell’intervista rilasciata a Claudio Tranquilli:  Sarà cancellata, di fatto, la norma che fissa il diritto di voto con il minimo dei 20 punti acquisiti nelle classifiche nazionali. Questo pone tutte le società attualmente affiliate, anche quelle che non svolgono attività, sullo stesso piano: la prima conta come l’ultima delle classifiche di riferimento. L’importante è svolgere attività continuativa ed avere almeno un punto in classifica

Non è così !!

Fino ad oggi anche un solo punto in classifica lo si ottiene se si rientra nella classifica della D’Aloja e/o della Montù.

Le due classifiche sono dedicate alle Società che svolgono la così detta  attività agonistica e quindi sono precluse alle “le Affiliate che svolgono a carattere continuativo attività amatoriali e scolastiche.”  Tra  questi ultimi sodalizi rientrano anche le società che svolgono solo attività Master.

Qui si torna all’annosa vicenda del non riconoscere punteggio per le gare over 27 anche se poi vengono svolti campionati Italiani  con relative assegnazione di titoli.

Alcune considerazioni di carattere generale devo farle evidenziando quanto poco ci sia di democratico nel così detto voto Plurimo.

L’art 48 della Costituzione Italiana esclude il voto plurimo e recita “ il voto e eguale nel senso che ogni voto ha lo stesso valore di tutti gli altri. Non sono ammessi il voto plurimo ed il voto multiplo.”

Perché mai introdurlo in una Federazione Sportiva ?

Se a pensare male qualche volta si fa centro, si potrebbe pensare che creando un gruppo di società affiliate che accedono al voto plurimo si possa gestire una maggioranza che di fatto escluda la volontà ed il parere delle altre.

Riporto ancora quanto dichiarato dal Vice Presidente Vitale :”  Il voto plurimo, con le nuove direttive, diventa indispensabile come norma: una sorta di autodifesa per tutte quelle Società Affiliate che, utilizzando ingenti risorse, svolgono da anni attività agonistica di grande prestigio per la nostra Federazione sia sotto il profilo olimpico, e quindi di vertice, e sia sotto il profilo dell’avviamento, il perfezionamento e la crescita dei giovani canottieri dei settori giovanili sociali”.

Il premiare società affiliate che , a detta di Vitale, utilizzano ingenti risorse, dando loro maggiore voce in capitolo e esattamente il contrario di quanto richiede l’art 48 della nostra Costituzione.

Non c’è dubbio alcuno che sia giusto premiare chi merita ma ci sono ben altri modi.

A proposito infine delle ingenti risorse come la si mette a nome con le Società Militari ?

Non si discute che le forze armate diano un contributo notevolissimo ai risultati di eccellenza negli sport in genere, ma certo non si può assolutamente paragonare lo sforzo fatto da una società privata grande o piccola che sia con quello di un ente pubblico.

Le risorse che mette in campo un Ente pubblico escono solo dalle nostre tasche di contribuenti e quindi sarebbe impensabile premiare gli enti Militari concedendogli un voto plurimo giustificato dalle “ ingenti risorse”

Alla luce di quanto finora detto, credo che la soluzione più saggia sarebbe quella di lasciare la soglia , decisamente bassa , del punteggio minimo per poter votare studiando però alcuni meccanismi che consentano di ottenere il punteggio per tutte le Società che svolgono una effettiva attività di canottaggio , ricordando che il canottaggio si svolge solo ed esclusivamente sull’acqua

Paolo Caracciolo di Brienza

Associati ad A.M.I.C.I.
L'iscrizione Associazione Master Italiani Canottaggio Integrato è gratuita e la Tua adesione aumenterà la nostra forza per supportare le nostre iniziative, lo scopo principale dell’ associazione è quello di promuovere il Canottaggio Master e non solo.