La Community del Canottaggio Master e non solo
Campionato Master 2015 Il commento di Paolo Caprioli

Campionato Master 2015 Il commento di Paolo Caprioli

Carissimi

Calato il sipario sui Campionati Italiani Master 2015 è finalmente giunto il momento di abbandonarsi al relax estivo e alle dovute riflessioni in previsione delle stagioni future.

Mi permetto, e vorrei non essere giudicato per questo, di esprimere un’analisi personale sull’evento appena trascorso. Desidero farlo pensando e soprattutto sperando di poter dare un aiuto ai futuri organizzatori affinché le prossime edizioni possano continuare a crescere in qualità e (speriamo) numero di partecipanti.

Logistica a terra

  • Pressoché perfetta, ampio parcheggio auto, aree dedicate a carrelli, deposito barche e pulmini adeguate e facilmente accessibili. Servizi igienici e spogliatoi forse un pochino condizionati da ciò che le strutture esistenti possono offrire, ma adeguati, aree ristoro diversificate e piacevoli, location davvero molto bella e ben gestita.
  • Pontili di imbarco e sbarco forse un pochino limitati ma ben gestiti, segnalati e monitorati da assistenti e giudici.
  • Area merchandising ben posizionata e di piacevole contorno.
  • Torretta d’arrivo e area premiazioni di ottimo livello e ben organizzate.
  • Ho notato persino un’area camper.

Il comitato organizzatore ha svolto un lavoro magistrale riuscendo a raggiungere standard elevatissimi, degni di eventi internazionali. Bravissimi!

Logistica in acqua

  • Impeccabile, corsie di risalita ben delimitate e adeguatamente illustrate. Si poteva forse mettere giusto una spiga centrale, o boe di segnalazione, nell’area di riscaldamento, per separare i sensi di marcia, ma si tratta di quisquiglie.
  • Area di partenza perfetta, pontile di partenza con finger mobili, start tower e allineatore di assoluto livello. Procedure di chiamata, ingresso e allineamento perfette.
  • Campo gara perfetto, corsie equidistanti con perfetto allineamento boe e adeguate segnalazioni delle distanze

Mi sento quindi di ringraziare da parte di tutti noi atleti il comitato organizzatore per l’enorme lavoro fatto.

Gare

Purtroppo su questo tema si sono evidenziate alcune lacune:

  • Regolamento. Il regolamento master, differente per alcuni aspetti da quello delle altre categorie, presenta dei punti sui quali si sono evidenziate problematiche interpretative e attuative.
  • Per i master, divisi in categoria di appartenenza legata all’età anagrafica, vigono delle limitazioni in termini di numero minimo di partecipanti per gara e sussiste la possibilità di accorpamento con l’applicazione di handicap.
  • Su questo tema sono emerse purtroppo delle interpretazioni che invitano a riflessioni. Qui si aprirebbe un’analisi lunga e complessa che mi riprometto di affrontare separatamente. Per il momento mi limito unicamente a rilevare che il sistema in vigore potrebbe essere migliorato.
  • Handicap. Su questo tema invece desidero esprimere un commento. I valori in essere, come già espresso negli anni passati, non sono a mio avviso corretti e sono distanti dai valori applicati da altre federazioni. Pur nella consapevolezza che non esiste un dato scientificamente validabile, vorrei tornare a riproporre lo studio fatto nel 2012 in proposito.
  • Bisogna infine individuare un sistema equo e non penalizzante di accorpamento.
  • Penso che l’evento sia stato globalmente un successo sia sotto l’aspetto organizzativo e sia per la nutrita partecipazione.

Il mondo master evidenzia una crescita e una vitalità sorprendenti, personalmente spero e mi auspico, che questo possa essere di positivo stimolo per la convivenza e la crescita in questa grande famiglia che il Canottaggio è

Un caro saluto a tutti

Paolo Caprioli