La Community del Canottaggio Master e non solo

non è semplice fare centro ………ma

la mail inviata a tutti i soci di A.M.I.C.I. ha avuto una risposta pressocchè univoca : speriamo che il prossimo campionato italiano si possa far al CENTRO ( d’italia).
Ovviamente c’è chi ha dissentito ed è anche spiegabile perchè l’accontentare molti non vuol dire accontentare tutti.
Evito di infilarmi in un discorso che assuma i caratteri di una valutazione democratica dove la maggioranza vince,
non lo si riesce a fare per cose molto più importanti, figuriamoci se lo si possa pretendere per l’attività master.
Premesso questo , credo che sia necessario che alcune valutazioni vadano fatte con serenità prima di assegnare ad una località rispetto ad un ‘altra un evento che comunque riveste una certa importanza.
Mi permetto di evidenziare che l’eventuale scelta di dove far svolgere il prossimo campionato deve essere supportata da una presa di posizione della Federazione ben precisa nel voler o meno rispettare il programma elettorale del suo Presidente che dichiarava testualmente ” Nel mio programma ho già inserito una “rivisitazione” della coppa Montù ed in tale occasione la categoria dei master può vedere inseriti i risultati dell’ attività agonistica di questi ultimi.”
A distanza di sei mesi non credo che si sia fatto alcunché, se veramente si vuole arrivare ad una svolta che potrei definire, esagerando, “epocale” , bisogna che gli addetti ai lavori inizino a lavorare cercando , come sarebbe opportuno, di far sviluppare possibili soluzioni che diano alla fine un risultato quanto più valido possibile.
Una volta che si dovesse raggiungere questo traguardo, allora si sarebbe posta la fondazione per affrontare i non pochi problemi della vita dei master che , senza alcuna polemica, fino ad oggi sembrano relegati alla figura di coloro che contano poco ma devono sembrare importanti perchè di loro non se ne può fare a meno.
Paolo Caracciolo di Brienza