La Community del Canottaggio Master e non solo

l’importanza degli handicap

gli handicap nascono quasi per necessità, e mi spiego.
Se si potesse, in via del tutto teorica, avere finali per ogni categoria con almeno 4 concorrenti il problema non si porrebbe; visto e considerato che questa condizione non è quasi mai possibile riteniamo opportuno, ancora una volta, evidenziare i perchè:
1) modesto numero di master in assoluto
2) più si va avanti negli anni e più percentualmente la presenza diminuisce
Allora se ci si vuol divertire ed avere uno spettacolo gradevole con l’abolizione del famigerato “medaglificio” diventa necessario fare partecipare atleti di diverse categorie contemporaneamente.
Ovviamente per poter far partecipare in una stessa gara atleti di categorie diverse l’unica possibilità è una gara con l’applicazione degli handicap .
è ovvio che l’handicap, poichè non pretende di avere un’assoluta precisione, deve essere applicato nella maniera più corretta possibile.
Oramai tutti sono del parere che l’handicap dovrebbe essere applicato in partenza e per fare questo nel modo corretto sono necessari i barchini o qualcosa di equivalente.
Così facendo lo spettacolo diventa tale con arrivi ” tirati ” ( vedi terzo tricolore master ma con la penalizzazione della mancanza dei barchini )
E’ altrettanto evidente che più si sale di tono nella importanza della manifestazione e più la partenza non può essere volante.
Quando questo tipo di gara non è realizzabile e comunque è opportuno applicare gli handicap bisogna sapere che gli errori aumentano e i risultati possono essere falsati .
E’ altrettanto importante, quando gli handicap vengono applicati all’arrivo , che i concorrenti sappiano dalla partenza quale sia la differenza di tempo tra l’uno e l’altro; così facendo il risultato non diventa quasi una sorpresa da “uovo di pasqua”
In attesa, forse utopistica, che per ogni barca e fino alla categoria ZETA ci possano essere gare con almeno quattro concorrenti, possiamo solo augurarci che i barchini diventino una realtà anche nelle gare di livello minore.