La Community del Canottaggio Master e non solo

La possibilità di confronto…….

Su Canottaggio Magazine leggo l’intervista ad Abbagnale con il titolo ” il valore delle parole ” e sono sicuro che le parole abbiano un’importanza notevolissima.
In una conversazione le parole possono assumere un significato diametralmente opposto in funzione del solo tono con cui vengono pronunziate.
In uno scritto le parole di per se sono asettiche ed possono avere solo il significato lessicale che gli appartiene, viceversa, inserite in una frase e quest’ultima in un contesto più ampio, possono e devono assumere il loro reale significato.
Ma c’è un ma e non irrilevante, ed è legato a chi legge lo scritto .
Chi legge prima di tutto deve saper leggere e se al testo viene data una certa interpretazione e questa viene resa pubblica, si devono poter capire i motivi di quella interpretazione.
Qui nasce la necessità del dibattito, del confronto di idee che sono alla base di qualsiasi gestione democratica dalla famiglia allo stato.
In questo enorme intervallo di tipologie di “comunità “
credo che si inseriscano anche le associazioni sportive e quindi anche le relative federazioni.
Spero vivamente che in un futuro più che prossimo chi sarà investito dell’onere di gestire la Federazione Italiana Canottaggio , possa creare un tavolo di confronto con tutti coloro che rappresenta e questo tavolo non dovrebbe assumere i connotati di un social network dove tutti a ruota libera possono esprimere quello che passa loro per la testa, ma che poi porta a poco o a niente.
Il tavolo di confronto dovrebbe nascere nell’ambito di una testata giornalistica che fa riferimento ovviamente alla federazione dove ci siano regole da rispettare da parte di tutti e dove la libertà di opinione , con il più ampio rispetto delle regole , deve essere garantita unitamente al conseguenziale contraddittorio.
Se questo avverrà, fra quattro anni si potrà parlare di una reale avvenuta maturazione del popolo dei canottieri che potranno fare scelte ed assumere posizioni meno aperte alle promesse così dette elettorali.

Paolo Caracciolo di Brienza