La Community del Canottaggio Master e non solo

intervista alla signora Folaga………

Stamani a Piediluco vedo sette singoli che si allenano ed un catamarano che li segue con l’allenatore che impartisce consigli ed incitamenti e mi stupisco che due folaghe vicine al catamarano continuano a nuotare indisturbate.
il motivo dello stupore deriva dal fatto che sul Giornale dell’Umbria di qualche giorno fa avevo letto “dell’inquinamento acustico” sul lago causato dal rumore del motore dei catamarani e dalla voce degli allenatori che si rivolgono agli atleti in barca con il megafono e quindi il fatto che le due folaghe non si fossero proprio scomposte mi stupiva.
Mi sono avvicinato con il mio canoino e mi sono rivolto alla folaga che mi era più vicina e qui riporto la mia “intervista”:
io:
signora Folaga come mai non è spaventata dal rumore del motore e dalla voce dell’allenatore ?
folaga:
caro signore oramai siamo abituate , non ci spaventiamo più della presenza di voi uomini , sopratutto di quelli che appartengono al mondo del canottaggio, sono senza armi e poi qualche volta ci divertiamo a vedere se siamo più veloci noi a nuotare dei ragazzi che remano.
io:
ma il rumore del motore è un problema ?
folaga:
ma no, quale problema! mi stupisco che Lei che rema non sappia che la massima velocità che toccano i catamarani è di circa 10 nodi quando seguono le barche lunghe della nazionale e quindi è il rumore di un motore quasi al minimo.
io:
questo mi conforta , vuol dire che in fondo il lago dove vivete non è così inquinato acusticamente.
folaga :
assolutamente no , solo quando ci sono le gare forse , dalle tribune si sentono le voci di chi incita i canottieri ma bisogna essere molto vicini per sentire cosa dicono e poi le gare sono così poche a Piediluco , peccato perchè quando arrivano tante persone noi uccelli possiamo farci conoscere è questo sarebbe un gran bene se la conoscenza di noi pennuti non l’avessero solo coloro che imbracciano un fucile.
io:
allora posso stare tranquillo, forse la stampa ha esagerato un pò !
folaga:
sì , caro signore , continui pure a remare tranquillamente , non abbia paura di investirci , siamo più veloci . Però devo essere sincera qualche volta c’è un rumore che ci fa spaventare, sopratutto se lo sentiamo di notte ed è quello della sirena di qualche ambulanza che corre lungo il lago, però capiamo che in una corretta convivenza dobbiamo sopportare quello inquinamento acustico; in fondo sappiamo anche noi che se l’ambulanza ha la sirena vuol dire che corre per aiutare qualche umano ed giusto che sia così sopratutto se chi viene soccorso è uno di quelli che ci vuole più bene; mi dicono che sono dipinti di un bel colore ma non ricordo quale sia !
E adesso mi scusi, devo volare, la mia amica mi sta aspettando già da parecchio !!!!
L’intervistatore : Paolo Caracciolo di Birenza
l’intervistata: Sig.ra Folaga ( genere Fulica, famiglia Rallidae, ordine Gruiformes )