La Community del Canottaggio Master e non solo

I master sono atleti ?

I MASTER SONO ATLETI ? Questo è il titolo dell’articolo scritto da Sergio Morana su Row Johnny Row e che riporto qui di seguito perchè credo che sia interessante la problematica che solleva e dovrebbe essere oggetto di valutazioni .

L’articolo
“Rileggendo l’art. 13 del lo Statuto della FIC, così come riportato nella sua ultima stesura, mi vengono spontanee alcune considerazioni.
Premetto che gli unici requisiti per godere del diritto di esercitare l’elettorato attivo (cioè per votare) in occasione dell’elezione dei rappresentanti degli Atleti che poi parteciperanno all’ Assemblea Nazionale Elettiva quadriennale sono:
a) essere tesserati come atleti per l’anno in corso
b) avere raggiunto la maggiore età.
Nessun’altro requisito viene indicato nelle carte federali, a differenza dello Statuto del CONI che, per esempio, in eguale frangente prescrive l’aver preso parte a determinate manifestazioni entro gli ultimi otto anni: Olimpiadi, Mondiali, Europei, indicandolo come un requisito essenziale per godere del diritto di voto..
Ora, negli ultimi due anni, il tesseramento degli atleti “over 27″ era diviso fra Senior e Master e le due categorie non potevano compenetrarsi se non nelle gare regionali.
A furor di popolo (leggi: su richiesta di poche persone direttamente interessate ndr) il nuovo Consiglio federale, forse con un po’ troppa fretta e forse più che per ingraziarsi una categoria in buona parte indifferente al problema per banali motivi anagrafici, si è precipitato a riportare le cose come stavano in passato, cioè riaprendo il tesseramento senior ai master e viceversa.
In sostanza non esiste più una reale differenza fra le due categorie se non nelle caratteristiche dei due tipi di regate, ma i requisiti necessari sono gli stessi.
Allora dobbiamo concludere che anche i cosiddetti Master (o Senior- Master o più semplicemente solo Senior che corrono su distanze Master) avrebbero pieno diritto di esercitare l’elettorato attivo.
Ma allora a rigore, tra tre anni, quando si dovranno compilare le liste degli aventi al voto sarà giocoforza inserire anche loro? Mi pare che non sia una ipotesi del tutto peregrina.
Non sono un esperto legale e quindi non mi sento di andare oltre nel ragionamento, ma mi pare che – visto l’impatto notevolissimo che un simile riconoscimento avrebbe sulla massa elettorale (i master-senior tesserati sono molti più dei senior veri e propri) e le possibili conseguenze dovremmo si renderebbe necessaria una riflessione attenta su questo aspetto.
In particolare, se fossi un Master appassionato, cercherei di approfondirlo nella speranza di ottenere il diritto di voto che darebbe alla mia categoria ben altro peso di quello attuale.
In massima sintesi, perché ai Master che possono gareggiare Senior a loro piacimento non dovrebbe essere riconosciuta la qualifica di atleta a tutto tondo?”